Leghe di alluminio

La produzione di leghe di alluminio tramite pressofusione risulta essere il cuore del processo produttivo messo in pratica dall’azienda metallurgica IMT Italia.
L’azienda si dedica ormai da molti anni alla produzione e lavorazione delle leghe di alluminio per adattarle ai più svariati ambiti. In base alla destinazione di utilizzo infatti, l’alluminio viene combinato con rame, zinco, manganese, titanio, silicio ed altri metalli, per prestazioni sempre ottimali.
Tutto il processo ha inizio dal rottame che, già rivalorizzato in precedenza, viene inviato alla raffineria dove avviene la produzione delle leghe da fonderia mediante l’utilizzo di forni specifici.
Successivamente alla fusione del rottame, il metallo liquido viene disposto in un forno di attesa che, grazie ad un processo di purificazione della fusione e all’eventuale aggiunta di elementi alliganti, produrrà la lega desiderata.

La pressofusione dell’alluminio

L’Alluminio e la Zama sono i metalli maggiormente lavorati con la tecnica della pressofusione. leghe-alluminio
Il termine pressofusione è stato coniato nella seconda metà dell’Ottocento negli Stati Uniti d’America e indica un procedimento che prevede l’iniezione del metallo fuso in uno stampo ad alta pressione. In realtà non si tratta di un unico stampo ma bensì di due metà, costituiti generalmente da acciaio temprato.
Successivamente allo stampaggio, si procede con la refrigerazione dello stampo per il quale si utilizza un liquido raffreddante posto all’interno dello stesso. In seguito, il pezzo, ormai solido, viene estratto grazie all’utilizzo di una pressa.
Si tratta di un procedimento che avviene in maniera molto rapida e flessibile, il che consente di produrre molti pezzi in breve tempo.
IMT Italia garantisce un’attenta fusione delle leghe di alluminio, da cui risulta un prodotto finito di alta qualità adattabile ad ogni esigenza. Per ulteriori informazioni consulta la tabella relativa alla composizione dei nostri lingotti di alluminio.