Rottami di alluminio

IMT Italia ha scelto di ottenere l’alluminio tramite fonte secondaria, partendo quindi dal recupero, dal riciclo e dalla fusione di rottami di alluminio, evitando quindi di estrarre l’alluminio direttamente dai giacimenti naturali, azione che comporterebbe un dispendio energetico e un impoverimento delle risorse naturali.

Per produrre leghe di alluminio si posso percorrere strade diverse, una di queste è partire dalla fusione dell’alluminio puro, per poi aggiungere gli elementi alliganti, altri metalli, al fine di ottenere un materiale che abbia le caratteristiche desiderate.
Le industrie metallurgiche traggono un grande beneficio dal recupero e della fusione dei rottami di alluminio, poiché esso può essere trasformato infinite volte senza perdere le proprie caratteristiche e quindi anche riciclato infinite volte.rottami-alluminioÈ subito pertanto chiaro il vantaggio di produrre la lega da rottame sia in termini economici che di impatto ambientale specificamente in tema di risparmio energetico, si tratta di un risparmio del 95% rispetto all’energia di cui necessita la produzione a partire dal minerale.

Le numerose strumentazioni e l’alta flessibiltà degli impianti permettono a IMT Italia di trattare ogni tipo di materiale e fanno sì che recupero e sostenibilità ambientale vengano ottimizzati al massimo. L’intero processo produttivo è condotto con le migliori tecnologie disponibili con l’obiettivo di recuperare residui di lavorazione e rottami di raccolta, limitando notevolmente I rifiuti che resterebbero alle generazioni future.

È proprio a questo che IMT Italia mira, puntando alla completa soddisfazione del cliente, realizzando lingotti di alluminio specificamente dedicati alle loro esigenze e affidandosi appunto alla fusione dei rottami di alluminio.
L’obiettivo dell’azienda è quello di migliorare giorno dopo giorno la sua economia circolare.
Ellen MacArthur Foundation la definisce in questo modo: «è un termine generico per definire un’economia pensata per potersi rigenerare da sola. In un’economia circolare i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati senza entrare nella biosfera». Grazie al recupero dei rottami di alluminio e al loro riciclo IMT Italia sta riuscendo nel suo intento.

Scopri di più sull’economia circolare.